imagealt

Il saluto del Dirigente Scolastico

OGGETTO: UN BUON INIZIO PER UN’OTTIMA CONTINUAZIONE

Gentilissimi,
L’anno scolastico che sta per iniziare si apre all’insegna di un ulteriore cambiamento a lungo attesoe auspicato, un ritorno a una progressiva normalità e a una didattica sempre più connotata dalle attività in presenza.
Le novità relative all’anno scolastico che andiamo a cominciare sono numerose e coinvolgono più aspetti legati all’innovazione. Laboratori rinnovati, riqualificazione del parco del Liceo, nuovi strumenti tecnologici. Il ritorno alla graduale normalità fa sì che la didattica laboratoriale che si interseca a quella tradizionale e connota la proposta formativa del Liceo ritorni ad essere una conferma: l’orario scolastico suddiviso in moduli da 45/50/55 minuti fa sì che gli studenti possano dare concreta realizzazione alla personalizzazione dell’apprendimento. Ritorneremo ad ascoltare il suono della campanella che scandisce il susseguirsi delle lezioni, degli intervalli, e che da due anni non eravamo più abituati ad ascoltare.
Vi aspettano in presenza le attività extracurricolari legate all’area espressiva, scientifica, tecnologica, motoria, ma anche i percorsi legati al potenziamento e al recupero.
Sarà ancora presente la valida esperienza dell’E – Twinning, con l’dea di proseguire il percorso iniziando l’accreditamento per Erasmus +, come si intensificheranno le attività relative al Debate,
Web radio (ormai consolidata e efficace), peer education, Notte del Liceo Classico, Bancarelle
Scientifiche, valorizzazione delle eccellenze e recupero delle difficoltà, nuove realizzazioni per i PCTO, progetti nuovi e ormai che fanno parte dell’esperienza consolidata del liceo, oltre ad altri che integreranno ciò che è la nostra offerta formativa.
Viaggi di istruzione e stage, percorsi storici e filosofici: continueremo – se non vi saranno diverse indicazioni – a solcare le strade dell’arte, della storia, della memoria, della conoscenza.
E poi – ulteriore novità – il Liceo aperto alla città: è nostra intenzione aprire le porte della scuola una volta al mese, in orario serale, per brevi conferenze offerte a tutta la cittadinanza e tenute da docenti del Liceo e riguardanti interessanti, imprevedibili e inaspettati intrecci di conoscenza.
E, inoltre, gli studenti del liceo diventeranno protagonisti di “pillole di conoscenza” itineranti in una giornata di fine primavera lungo la città: cultura diffusa dove l’arte, la storia, la letteratura, la matematica ecc, ciascuna attraverso le propria curiosità e peculiarità, vengono insegnati dagli studenti. Ma di questo ve ne parleremo più avanti. Ringraziamo in anticipo l’Amministrazione Comunale di Tortona che è continuamente vicino alla nostra scuola.
Siamo animati da tanto entusiasmo e desiderio di contribuire alla realizzazione di un futuro che, siamo sempre più consapevoli, si realizzerà attraverso di voi, cari studenti e studentesse.
Abbiamo tante idee che vogliamo fortemente porre in atto, ma non vi riusciremmo se non vi fosse la partecipazione attiva di voi tutti, studenti e studentesse, docenti, personale ATA, famiglie, Enti pubblici e privati, Forze dell’ordine, Club e Associazioni presenti sul territorio. Non riusciremmo se non vi fosse dialogo, scambio di idee, confronto, volontà di comunicare e collaborare, lavorare alacremente, agire con determinazione e consapevolezza.
Apertura al territorio, con il fine ultimo di proporre agli studenti e alle studentesse un’offerta
formativa che veda la partecipazione di tutti. Inizierà a ottobre il potenziamento per gli studenti delle classi prime del Liceo scientifico che hanno scelto di aderire alla curvatura ambientale.
La nostra è una scuola che guarda all’ambiente, al mutare delle condizioni climatiche, prendendosi carico in modo concreto dell’importanza di “esserci” e di “fare”: tutti noi ne siamo coinvolti in prima persona, e non solo a parole.
Le indicazioni che seguono sono rivolte a tutta la comunità educante, e soprattutto a coloro che la scuola la abitano quotidianamente: studenti e studentesse, docenti, personale ATA.
Non intendo fare distinzioni tra di Voi, perché ciascuno ha la responsabilità personale di essere cittadino di un’unica Nazione.
Dobbiamo fare di più e, soprattutto, CONCRETAMENTE.
Le attività che, nell’immediato, possono essere realizzate da ciascuno di noi e poste in atto a partire dall’anno scolastico che andiamo a cominciare sono, a esempio, le seguenti:

  1. RACCOLTA DIFFERENZIATA: oltre alla normale attività di conferimento di rifiuti negli
    appositi bidoni (responsabilità di ciascuno, studenti e studentesse, docenti, personale ATA ed esterni) due studenti per classe, al giorno e a rotazione, sotto la supervisione del docente in cattedra, durante l’ultimo modulo effettueranno un controllo affinché NESSUN RIFIUTO sia abbandonato sotto i banchi o comunque nell’aula. Tale attività potrà dare luogo a una valutazione riferita alla disciplina “Educazione Civica” che il docente referente di ogni classe attribuirà a ciascuno studente, sentiti i docenti coinvolti.
    Un gruppo di studenti selezionati dalle docenti di disegno e storia dell’arte/storia dell’arte e con il coordinamento della docente referente per l’educazione ambientale, inoltre, si occuperà di dare una veste grafica accattivante ai pannelli indicanti i bidoni appositi. Tale attività sarà riconosciuta ai fini della valutazione di Educazione Civica e, se ritenuto, dalle docenti di disegno e storia dell’arte.
  2. RISPARMIO ENERGETICO: Come sapete, il tema delle difficoltà legate al consumo energetico (riscaldamento, luce, gas) ci vedranno coinvolti, prima che come studenti e
    personale della scuola, come cittadini di un’unica Nazione. E allora vi chiedo (studenti e
    studentesse, docenti e personale ATA) di assumervi (e io lo farò per prima) la responsabilità di porre in atto alcune azioni pratiche a tangibili: non accendere la luce se non strettamente necessario (ovviamente salvaguardando le condizioni di sicurezza);
    spegnere la luce se non vi è nessuno in aula/ aula speciale/ altro ambiente; spegnere la LIM o il monitor Touch screen al termine della mattinata o se non vengono utilizzati; porre in atto tutte quelle misure che permettono di ottimizzare i consumi.
  3. RISPARMIO DELL’ACQUA: per le stesse motivazioni dobbiamo fare molta attenzione al
    consumo dell’acqua. Per questo motivo, quando accediamo al bagno dobbiamo verificare TUTTI di aver chiuso bene gli erogatori di acqua dei servizi igienici e dei rubinetti, e se vi è una difformità segnalarla immediatamente (per gli alunni, al docente in classe, per docenti e personale ATA alla segreteria attraverso apposito modulo).
  4. FORMAZIONE/INFORMAZIONE: sono previsti incontri con esperti del settore.

Desidero infine rivolgere un caloroso e sentito augurio di buon inizio di anno scolastico a tutta la comunità educante del Liceo:
· Ai docenti, che detengono l’importantissima responsabilità di formare le nuove generazioni
· Al personale di segreteria, per l’inestimabile lavoro relativo all’aspetto amministrativo contabile e ai rapporti interni ed esterni alla scuola;
· Agli assistenti tecnici, che affiancheranno i docenti per le attività in laboratorio
· Ai collaboratori scolastici, preziosi per la particolare attenzione che dovranno continuare a
dedicare alla sorveglianza, all’igienizzazione, alla sanificazione, all’applicazione delle procedure;
· Alle famiglie, affinché siano guidate da uno spirito di corresponsabilità rispetto al comune
obiettivo dell’educazione e della formazione dei loro figli
· Ai componenti del nostro Consiglio d’Istituto, sensibile e aperto sempre al dialogo e
confronto
E un particolare augurio è dedicato a Voi, carissime studentesse e carissimi studenti, e in
particolare agli alunni delle classi prime, perché l’anno che prenderà il via da lunedì sia per voi denso di traguardi raggiunti e sogni realizzati.

“Imparare senza pensare è fatica sprecata.
pensare senza imparare è pericoloso.”
Confucio

Il Vostro Dirigente Scolastico
prof.ssa Maria Rita Marchesotti

Allegati
circ.n. 15 un buon inizio per un'ottima continuazione al 9 settembre2022.pdf